FAQ

(risposte alle domande più ricorrenti che abbiamo ricevuto)

 

Bisogna pagare le tasse sugli eventuali profitti derivanti dalle opzioni?

Nel momento in cui andremo a fare la dichiarazione dei redditi, dovremo far presente al Caf o chi redigerà la nostra la “denuncia dei redditi”, gli eventuali profitti ottenuti con le opzioni binarie.

Questo perchè il trading online in opzioni binarie è equiparato ale altre attività finanziarie, e come tale, per lo Stato Italiano, soggetto a tassazione.
Come si prelevano i guadagni?

I guadagni, così come il deposito, è stabilito dai Brokers, i quali prevedono tutti forme di deposito e prelievo per mezzo delle comuni carte di credito, prepagate o bonifici bancari.

Qual’è l’importo minimo per fare trading?

Con i Brokers da noi propostio il minimo è 100 euro.
Tuttavia è possibile rivolgersi a piattaforme di trading che hanno il deposito minimo più alto, di 200/250 Euro.
Riteniamo che per un principiante sia meglio cominciare con piattaforme dal deposito più basso (100 Euro).

Cosa sono i Bonus sul primo deposito?

Le piattaforme sono solite allettare i loro clienti con proposte commerciali che regalano il 100% del primo deposito.
Questo genere di promozioni consistono nel vedersi omaggiare di una somma di denaro pari a quella versata al momento della registrazione.

Quanto si perde con le opzioni binarie?

In questo senso le opzioni binarie hanno il grosso vantaggio di non riservare brutte sorprese.
Il guadagno così come le eventuali perdite, sono conosciute sin dal primo momento.
Con le opzioni binarie non si può mai perdere più di quanto si è scelto di investire.